Pelle Sensibile del Neonato: come prendersene cura

Culetto arrossato, bollicine sul viso e screpolature sono alcune caratteristiche di una pelle irritata, condizione frequente che si verifica quando si parla della pelle di un neonato.

Le mamme hanno il compito, sopratutto nei primi mesi di vita, di prendersi cura della pelle del piccolo, ancora fragile e sensibile, ma senza farsi prendere dall'ansia.

Trattare troppo la pelle con detergenti e creme può infatti essere controproducente. E' proprio in questo periodo che la pelle cambia, giorno dopo giorno; è quindi normale notare delle differenze...ma niente paura!

Parleremo oggi di una pelle sana, senza particolari problematiche. Leggi l'articolo per capire quali sono i segnali d'allarme e scoprire dei consigli utili.

Caratteristiche della pelle di un neonato

La pelle è la prima cosa con cui veniamo in contatto, dopo la nascita di un bambino. Non essendo completamente formata è estremamente fragile e delicata.

Bisogna tenere presente che il neonato è stato abituato, per nove mesi, a vivere in un ambiente bagnato, a contatto con il liquido amniotico, e si trova improvvisamente in un ambiente secco come l'atmosfera.

La pelle dei bambini reagisce in modo più sensibile rispetto a quella degli adultitag alt pelle ed ha bisogno di trattamenti specifici e protezione.

Sono tanti i disturbi della pelle di un neonato, anche se non tutti ne soffrono. Si va dall'acne neonatale, alla dermatite atopica, a quella da pannolino fino alla crosta lattea. In questi casi è opportuno chiedere il parere del pediatra, che saprà consigliarvi la soluzione più adatta.

La pelle del neonato si screpola facilmente, si arrossa e a volte compaiono anche delle piaghette.

Ecco perché tutto ciò che sta a contatto con la pelle deve essere morbido e in fibra naturale. Cotone, lino e seta sono perfetti e difficilmente danno irritazioni o problemi. I tessuti sintetici, invece, possono non far traspirare la pelle.

Il delicato momento del bagnetto

Tenere pulita la pelle del bambino si...ma sempre con rispetto, senza stressarla ulteriormente.

Il momento del bagnetto può essere un momento di gioco, relax e contatto con mamma e papà, che possono approfittarne per fare dei massaggi al piccolo e favorire il contatto fisico.

Bisogna fare attenzione e utilizzare detergenti delicati, che non rimuovano iltag alt pelle grasso naturale della pelle, privi di sostanze aggressive e non schiumogeni. Essendo molto sottile, la pelle è anche più ricettiva e bisogna quindi evitare prodotti con troppe sostanze chimiche.

Non esagerare con i lavaggi: potrebbero indebolire ancor di più la barriera cutanea...basta un bagnetto di breve durata con un po’ di acqua tiepida e un goccino di detergente, meglio se oleoso.

Per asciugare il piccolo, meglio tamponare con un asciugamano morbido o un telo di cotone e non strofinare, soprattutto se ci sono già degli arrossamenti.

Dopo il bagnetto applicare sul corpo un velo di crema idratante: l'idratazione è fondamentale per garantire un corretto sviluppo della barriera cutanea.

Prima di uscire, soprattutto nelle stagioni fredde, bisogna trattare le zone più fragili ed esposte, come il viso, con una crema specifica; in questo modo la pelle sarà protetta dai fattori ambientali che vanno a seccarla.

Il cambio del pannolino

tenere genitali e sederino asciutti e puliti è fondamentale per prevenire le irritazioni da pannolino. E' quindi una buona norma cambiarlo non appena è sporco o molto bagnato.

Se la pelle è irritata o screpolata si può applicare un pò di crema all'ossido di zinco ma attenzione, essendo molto pastosa ne basta veramente poca.

L'uso delle salviettine è consigliato quando si è fuori casa e non si ha la possibilità di lavare bene il culetto del neonato ma è meglio non farla diventare un’abitudine. Preferite comunque un pò di acqua tiepida e del detergente, quando possibile.

Evitare l'uso eccessivo di creme o paste (come quelle all'ossido di zinco) per la zona del pannolino: applicarne strati spessi, su pelle sana, contribuisce alla macerazione della pelle e favorisce irritazioni e complicanze infettive.

 Ultima cosa da evitare, l'uso di prodotti "naturali", in particolare gli olii, perché non testati sui bambini.

Dermatite da pannolino: è estremamente frequente nel primo anno di vita. Si presenta con chiazze di colorito rosso, con superficie liscia e lucida, che interessano la regione coperta dal pannolino quali le natiche, il pube e la parte interna delle cosce.

tag alt pelle

Lascia un Commento
Ottieni subito il 5% di sconto!!
Iscriviti alla nostra newsletter,
tieniti aggiornato sulle nostre offerte

Coupon: