Nausea dopo aver mangiato: cause e rimedi

La sensazione di nausea dopo aver mangiato è un sintomo piuttosto comune. A tutti è capitato almeno una volta di sentirsi poco bene dopo una grande abbuffata a pranzo o a cena. Quando però il disturbo si manifesta in modo frequente, anche dopo uno spuntino leggero, potrebbe essere il segnale di un problema più serio che richiede cure mirate.

Vediamo quali sono le possibili cause della nausea dopo i pasti e quali rimedi adottare per farla passare.

Nausea dopo mangiato: la causa più comune

Ti sarà capitato parecchie volte di pensare "Ho mangiato troppo", magari dopo un classico e abbondante pranzo in famiglia. Dopo aver esagerato col cibo, capita spesso di soffrire della cosiddetta "nausea post prandiale" e sentire quello spiacevole senso di vuoto alla bocca dello stomaco e il tipico mal di pancia.

Ciò accade perché nel momento in cui mangiamo troppo, lo stomaco si dilata il più possibile per accogliere il cibo ingerito ma spesso i succhi gastrici prodotti, utili a una corretta digestione, non sono sufficienti per gli alimenti in eccesso. Il risultato è una sensazione di malessere, gonfiore e pesantezza allo stomaco, sonnolenza e difficoltà a digerire.

Leggi anche: Nausea mattutina: le cause e i rimedi per farla passare

Nausea dopo aver mangiato: altre possibili cause

Una grossa abbuffata a tavola però, non è sempre il motivo per cui si manifesta la nausea dopo i pasti, soprattutto nei casi in cui il disturbo dura da diverso tempo. Infatti, sono diverse le cause che possono incidere sull'insorgenza della nausea post prandiale. Ecco quali sono:

  • Indigestione: la nausea è causata dall'eccesso di cibo, che, soprattutto se consumato con bevande gassate o alcolici, può rallentare la digestione o addirittura bloccarla. In questo caso, spesso la sensazione di nausea è seguita da vomito;
  • Reflusso gastroesofageo: in questo caso il responsabile del disturbo gastrointestinale è la valvola che separa stomaco ed esofago, che se mal funzionante permette a una parte dei succhi gastrici prodotti di risalire nell'esofago e scatenare eruttazioni e nausea dopo il pasto;
  • Gastroenterite: si tratta di un'infiammazione della mucosa gastrica e dell'intestino, di solito causata da un'infezione di origine virale. I pazienti colpiti in associazione alla nausea dopo mangiato lamentano crampi addominali, vomito e diarrea più o meno grave;
  • Intossicazione alimentare: anche in questo caso, oltre alla nausea compaiono diversi sintomi in base alla quantità e al tipo di sostanza ingerita tra cui dolori addominali, bocca secca, vomito, diarrea, mal di testa e tachicardia dopo aver mangiato cibo contaminato da tossine di varia natura;
  • Ulcera peptica: si tratta di una lesione della parte interna del canale digestivo, spesso provocata dall'infezione da Helicobacter pylori o dall'abuso di farmaci. Tali condizioni alterano il pH dello stomaco e ne diminuiscono l'acidità, rendendo così la digestione difficoltosa e causando nausea, crampi addominali e bruciore allo stomaco;
  • Allergie o intolleranze alimentari: la nausea dopo mangiato, combinata con mal di stomaco, meteorismo e diarrea, può essere causata da allergie ad alcuni alimenti come il latte e le uova o, come spesso accade, ai conservanti chimici utilizzati per migliorare la conservazione degli alimenti;
  • Stress e ansia: anche i fattori psicologici influenzano il processo digestivo, per questo possono dare origine alla nausea dopo aver consumato i pasti;
  • Mal d’auto e mal di mare: la nausea dopo mangiato può insorgere anche durante episodi di mal d'auto, mal d'aria e mal di mare;
  • Gravidanza: la nausea in gravidanza è un sintomo molto frequente, non solo dopo mangiato. In questo caso giocano un ruolo decisivo i fattori ormonali e la compressione dello stomaco.

Nausea dopo mangiato: i rimedi per curarla

Abbiamo visto che le cause della nausea post prandiale sono diverse e per questo la scelta della cura da adottare è strettamente legata alle ragioni che hanno scatenato il disturbo.

Maalox reflusso

È chiaro che se la nausea dopo mangiato è provocata da fattori di natura patologica è necessario un consulto medico. Dopo aver effettuato esami specifici, lo specialista saprà indicare il trattamento adeguato a seconda della patologia individuata. Ad esempio, in caso di disturbi gastrointestinali, il medico potrebbe prescrivere farmaci antiacidi. Se il problema è causato da un'infezione batterica potrebbe consigliare l'uso di antibiotici. In caso di allergie o intolleranze alimentari invece è importante individuare inizialmente l'alimento o la sostanza responsabile della nausea dopo mangiato ed eliminarlo completamente dalla dieta.

Diverso è il discorso quando la nausea dopo i pasti non è causata da patologie specifiche ma da altre ragioni come pranzi o cene troppo abbondanti o una dieta scorretta. In questi casi potrebbe essere sufficiente fare attenzione all'alimentazione e ricorrere all'uso di semplici farmaci da banco che aiutano a sconfiggere la nausea. Su e-PharmaVille trovi un'intera sezione dedicata ai prodotti contro la nausea in cui scegliere il trattamento più adatto a te.

In alternativa, è possibile affidarsi ad alcuni rimedi naturali che agiscono come dei veri e propri digestivi naturali come una gustosa tisana a base di zenzero, menta peperita, liquirizia o chiodi di garofano.

Lascia un Commento