Che cosa sono e a cosa servono i sali ossigenati?

I sali ossigenati sono degli ingredienti naturali da sciogliere nel pediluvio giornaliero per dare sollievo a piedi gonfi e stanchi e combattere il cattivo odore. Scopriamo meglio cosa sono e come agiscono per il benessere di una delle parti più importanti del nostro corpo.

Che cosa sono i sali ossigenati per pediluvio

Si tratta di composti che svolgono un'efficace azione rinfrescante, rilassante, igienizzante, tonificante ed ammorbidente a livello della superficie cutanea dei piedi. Il loro meccanismo d'azione si basa su alcune reazioni chimiche secondo cui l'ossigeno sprigionato da tali sali funziona come tonificante ed igienizzante a livello degli strati più profondi dell'epidermide: esso è in grado di attraversare gli strati più superficiali incuneandosi tra le singole cellule.

Un'altra azione che si realizza impiegando tali prodotti è quella relativa alla riattivazione del microcircolo; in questo modo viene aumentata la quantità di sangue che arriva ai tessuti e di conseguenza si determina un netto miglioramento della loro ossigenazione. Per questo i sali ossigenati sono in grado di ridurre il gonfiore di piedi e caviglie e donare un immediato sollievo.

Questi sali ossigenati oltre a igienizzare i piedi assicurano anche un gradevole effetto deodorante in maniera naturale e delicata, e garantiscono la prevenzione di infezioni superficiali dovute ad una scorretta igiene.

Esempi di sali ossigenati

Solitamente accade che dopo una giornata lavorativa si avverta una sensazione di gonfiore e pesantezza alle caviglie e ai piedi, probabilmente causata da problemi di natura circolatoria. Per ovviare a tale inconveniente e per godere di una sensazione di sollievo, è consigliabile praticare un pediluvio con preparati naturali reperibili in farmacia, tra cui i sali ossigenati, che, in seguito alla liberazione di ossigeno, favoriscono il riassorbimento degli edemi potenziando il drenaggio dei liquidi ristagnanti che causano il gonfiore dei piedi. In questo modo i sali ossigenati migliorano la circolazione sanguigna e linfatica contribuendo a sgonfiare i tessuti e a ripristinare un equilibrio fisiologico e funzionale.

I sali ossigenati derivano dalla reazione tra un ossiacido ed una base; si tratta di composti ionici formati da un catione metallico derivante dalla base e da un anione derivante dall'acido.

Esempi di sali ossigenati sono i sali acidi ed i sali basici: mentre i sali acidi reagiscono chimicamente perdendo uno ione H+, i sali basici in soluzione liberano uno ione OH-. In generale, le reazioni ai sali ossigenati vengono utilizzate sciogliendoli in soluzione acquosa e sfruttando il loro comportamento dissociativo in presenza di molecole di acqua.

L'importanza della cura e dell'igiene dei piedi

I piedi hanno necessità di essere curati scrupolosamente ogni giorno; è consigliabile lavarli quotidianamente, ispezionando l'epidermide e le dita in modo tale da valutare il loro stato di salute. Bisogna porre particolare attenzione ad arrossamenti, indurimenti, screpolature, gonfiori o unghie incarnite.

L'igiene quotidiana dei piedi dovrebbe essere effettuata tramite un lavaggio in acqua tiepida utilizzando un sapone delicato, poiché la vascolarizzazione del piede è particolarmente sensibile agli sbalzi di temperatura e si potrebbero determinare fenomeni di vasocostrizione o vasodilatazione periferiche, è necessario che la temperatura dell'acqua di ogni pediluvio non superi i 37 gradi centigradi. Bisogna ricordare che sulla superficie cutanea del piede si trovano delle sostanze oleose che svolgono funzione protettiva, e che non devono essere asportate per nessuna ragione, per questo motivo è consigliabile usare dei detergenti neutri e non troppo aggressivi.

Un altro aspetto da curare è l'asciugatura del piede, che deve essere effettuata in maniera perfetta per evitare che un eventuale ristagno di umidità possa portare alla formazione di funghi o di infezioni di varia natura: attenzione agli spazi interdigitali, che rappresentano le zone di maggior rischio per l'insorgenza di infezioni della pelle.

Un altro fattore da tenere in considerazione è il taglio delle unghie, che deve essere effettuato regolarmente e in maniera rettilinea, eliminando angoli ed irregolarità che potrebbero portare alla formazione di unghie incarnite.

Infine, è necessario verificare la presenza di calli e duroni che devono essere prontamente eliminati mediante trattamenti specifici.

Sali ossigenati per la cura dei piedi: i nostri consigli

Partendo dal presupposto che il benessere di tutto l'organismo parte dalla salute dei piedi, risulta fondamentale curarsi della loro igiene per evitare qualsiasi tipo di disturbo o di alterazione funzionale.

Sali ossigenati pediluvio timodore

Uno dei problemi più comuni è quello del cattivo odore. Si tratta di un disturbo piuttosto fastidioso causato dall'eccessiva sudorazione che favorisce la moltiplicazione dei batteri. Quando tali microrganismi rimangono in un ambiente anaerobio come quello dei piedi contenuti nelle calzature si decompongono causando l'insorgenza di cattivo odore; inoltre possono determinare dermatiti, micosi ed escoriazioni.

I sali ossigenati contenuti nei prodotti a marchio Timodore svolgono importanti azioni deodoranti, antisettiche e rinfrescanti sull'epidermide dei piedi, che, affiancandosi ad una corretta e quotidiana igiene, assicurano il mantenimento delle condizioni ottimali. I sali ossigenati della linea Dottor Ciccarelli, oltre a normalizzare la traspirazione cutanea limitando i processi di traspirazione, svolgono un'efficace attività tonificante e defaticante. La loro formula specifica contiene un miscuglio bilanciato di sodio carbonato anidro, sodio bicarbonato ed allume di rocca, con l'aggiunta di oli essenziali ad azione rinfrescante ed estratti di ippocastano e ruscus ad azione drenante.

Questi sali ossigenati possono essere utilizzati dopo averli mescolati con acqua tiepida per effettuare un pediluvio serale di almeno 30 minuti; successivamente è consigliabile asciugare accuratamente i piedi per evitare il ristagno di umidità sulla superficie cutanea.

Lascia un Commento