Aiuto...sono arrivate le afte!

Di solito, qualche giorno prima si avverte un fastidio a livello della mucosa orale che fa da campanello d'allarme: sono in arrivo le afte!

Queste lesioni della bocca di cui oggi ci occuperemo, sono delle piaghe fastidiose che ci impediscono di vivere la quotidianità serenamente, andando ad influire su gesti semplici come concentrarsi, mangiare e parlare bene.

Vediamo insieme come possiamo trattare le afte per poter tornare ad una condizione di normalità nel minor tempo possibile.

Cosa sono le afte della bocca?

Quelle che vengono comunemente chiamate afte, sono delle ulcere dolorose non contagiose che danneggiano la mucosa, lasciando esposte le terminazioni nervose e compaiono principalmente all'interno della cavità orale (labbra, guance, palato, lingua o gengive).

Queste lesioni hanno un aspetto rotondeggiante e un colorito bianco-giallastro, con un bordo gonfio e arrossato. Possono comparire singolarmente o a gruppi.

Normalmente guariscono in 7-15 giorni, ma tendono a ripresentarsi a distanza di tempo; in questo caso di parla di stomatite aftosa recidivante.

Il passaggio di aria, cibo e il contatto con qualsiasi cosa irrita questa piaghetta causando dolore, infiammazione e di conseguenza, rallentando la guarigione.

I  sintomi variano in base al grado di infiammazione e sono: dolore, arrossamento, bruciore, rigonfiamento dei linfonodi sotto la mandibola e febbre (in caso di lesioni estese).

tag alt afte

Cause principali delle afte alla bocca

Le cause che sono alla base della comparsa di queste lesioni non sono state ancora del tutto chiarite ma vi elenchiamo, di seguito, le principali condizioni in cui si può formare un'afta.

  • Scarsa igiene orale o effettuata in modo scorretto.
  • Ferite della bocca provocate da scottature, morso accidentale, utilizzo energico dello spazzolino, apparecchio ortodontico o protesi dentaria.
  • Fumo, stress e abbassamento delle difese immunitarie.
  • Cibo irritante, troppo piccante, cioccolato e consumo di alcolici.
  • Cambiamenti ormonali come quelli che avvengono durante il ciclo mestruale o per esempio, la carenza di acido folico, durante la gravidanza.
  • Carenze di vitamine e minerali come zinco, ferro, vitamina B9 e B12.
  • Intolleranze alimentari e allergie.
  • Predisposizione genetica.

Come posso liberarmi di un'ulcera della bocca?

Per quanto riguarda il trattamento delle afte, va effettuato tempestivamente, per evitare che la situazione peggiori ulteriormente. Il modo più efficace per liberarci dal dolore è isolare quanto prima la ferita, con uno strato protettivo, che blocchi il contatto diretto con la lesione.tag alt afte

Esistono gel e spray, da applicare localmente, che svolgono proprio questo compito: formare una barriera, ridurre la sensazione di dolore e favorire il processo di cicatrizzazione.

Un altro rimedio sono i collutori a base di clorexidina, dal forte potere antisettico, che donano sollievo e contribuiscono a tenere pulita la zona da trattare. E' essenziale che questi collutori non contengano alcol, per evitare di infiammare la ferita.

Il nostro consiglio è di rivolgersi al proprio medico o dentista di fiducia per poter analizzare da vicino la situazione e valutare il  trattamento migliore.

Visita la sezione del nostro sito dedicata alle afte (qui). Troverai un'ampia selezione di prodotti che ti permetterà  di trattare le lesioni ed effettuare una corretta igiene orale, per accelerare il processo di guarigione.

Lascia un Commento
Ottieni subito il 5% di sconto!!
Iscriviti alla nostra newsletter,
tieniti aggiornato sulle nostre offerte

Coupon: